Qual è l’alimentazione di un aspirabriciole?

Qual è l’alimentazione di un aspirabriciole?

maggio 10, 2019 Non attivi Di Daniele

Un aspirabriciole è uno strumento molto utile, ma non adatto a superfici estese. Si rivela però l’asso vincente per piccoli spazi, come un divano o un tavolo. Un’alimentazione che non necessiti di lunghi tempi di ricarica, quindi, può facilitarti nella pulizia.

Sempre pronto all’azione

Sul mercato potrai trovare due tipologie di aspirabriciole: alimentati a rete elettrica o a batteria.

Ovviamente un aspirabriciole a rete elettrica non ha problemi di autonomia. Puoi usarlo a lungo e senza interruzioni. D’altro canto, questo genere di aspirabriciole necessita di un cavo d’alimentazione, che dovrai collegare ad una presa di corrente. Di conseguenza, la tua libertà di movimento sarà limitata. Questi modelli di aspirabriciole sono solitamente ideati per la pulizia dell’auto. Potrai comunque usarli per la pulizia della casa, ma sicuramente l’utilizzo risulterà più scomodo.

Per quanto riguarda gli aspirabriciole a batteria, invece, il loro uso è particolarmente usato in ambiente domestico. Ovviamente la loro autonomia varia in base alla portata della batteria. È quindi importante usare anche la tipologia di batterie usate. Le più comuni sono quelle agli ioni di litio, ma non è difficile trovare anche quelle al nichel-metallo.

Per quanto riguarda l’autonomia dei modelli a batteria, questo valore ovviamente può variare. La media è di circa 15 minuti, ma ci sono anche modelli che arrivano anche a 20 minuti. A meno che tu non abbia bisogno di un uso molto prolungato, allora va benissimo anche un modello di tipo economico, quindi dall’autonomia più contenuta.

Passando all’analisi del tempo di ricarica, in genere si parla di circa 6 ore. Ci sono modelli professionali che possono richiedere anche 15 ore, ma non sono molto consigliati per un uso medio di tipo domestico.

Le prestazioni del tuo aspirabriciole sono importanti, ma anche la batteria! Ecco perché devi valutarne sempre l’autonomia. In alternativa, puoi optare per un modello di aspirabriciole alimentato a corrente elettrica.

Leggi anche: Come scegliere una friggitrice?